24 Marzo 2019

STORIA DELLA MEDICINA TRADIZIONALE CINESE

MEDICINA TRADIZIONALE CINESE - STORIA
STORIA DELLA MEDICINA TRADIZIONALE CINESE
STORIA DELLA MEDICINA TRADIZIONALE CINESE
La medicina cinese è suddivisa in un metodo denominato Medicina Classica Cinese (MCC) che si riferisce ai modelli medici più antichi, e in sistema denominato MTC (Medicina Tradizionale Cinese) risalente all´epoca di Mao . E´ il più antico sistema medico annoverato tra le medicine non convenzionali. Per capire la Medicina cinese occorre prima di tutto comprendere alcune differenze sostanziali nell´ambito della medicina tra le concezioni occidentali e quelle della tradizione cinese. Secondo quest´ultimi il corpo è l´universo in miniatura ed è allo stesso tempo uno specchio dell´ordine sociale; questo aspetto lo si trova nella simbologia usata nel testo classico "Huangdi neijing" (4°-3° secolo a.c.), pilastro della medicina cinese, dove si svolge un dialogo tra il leggendario Huangdi conosciuto come l´Imperatore Giallo e il suo consigliere, il medico di corte Qi Bo. Le fasi essenziali che ricostruiscono la storia imperiale della medicina cinese sono:

1. Dinastia Xia e Shang (2100-1100 a.c.). Genere di medicina ancestrale dominata dal culto per gli antenati e dove la forma principale di diagnosi è la divinazione, con conseguente terapia consistente nell´ingraziarsi gli antenati dato che la causa principale di malattia è il dispiacere/disappunto degli antenati. E´ in questo periodo che risale la compilazione del più classico testo della tradizione medica cinese, il "Huang Di Nei Jing, scritto circa 2000 anni A.C. e da allora studiato e consultato dai medici cinesi. Stirpe sciamanica durante l´era degli Shang l´impero era suddiviso in tre zone concentriche. Quella centrale che si irradiava lungo il bacino del fiume giallo, era governata direttamente dagli Shang. Vi era poi una zona cuscinetto che serviva da difesa delle popolazioni limitrofe quale quella degli Zhou.

2. Dinastia Zhou e Periodo delle Primavere e degli Autunni (1100-476 a.c.). Sottomessi agli Shang in un primo momento, finirono per prevalere verso la fine del II millennio a.c.. In questo periodo la medicina accademica conobbe un primo inquadramento scientifico. I medici furono distinti in quattro categorie: dietisti, internisti, chirurghi e veterinari. Viene comunque praticata una medicina dominata da sciamanesimo e demonologia. Maghi, stregoni, alchimisti, invocatori, liturgisti e mistici ampliavano l´influenza della medicina esoterica. In questo caso la causa principale di malattia è l´attacco demoniaco, si pratica la divinizzazione come forma di diagnosi e la terapia consiste nell´esorcismo dei demoni.

3. Periodo degli stati combattenti (476-221 a.c.). Così denominato perché fu un susseguirsi di frammentazioni e divisioni, con una continua ricerca di supremazia e scontri fra potentati minori che ebbe comunque il vantaggio di incentivare gli scambi e i rapporti reciprochi fra stirpi diverse. E´ in questo periodo che prendono forma le teorie principali della medicina cinese: yin-yang, wu-hsing (5 fasi), 5 sapori, 5 colori, il sistema delle corrispondenze, Qi, diagnosi del polso, i canali o meridiani, punti di agopuntura. Questi concetti si integrano tra loro in un unico sistema solo dopo il 300 a.c. Il ruolo del medico e dello sciamano si separano. La nuova forma ed il rinnovato vigore che in questo periodo conobbero insegnamenti, dottrine e scuole in ambito etico, sociale, scientifico sono conosciuti come le cento scuole. In ambito medico sorsero e si strutturarono importanti scuole come la Taioista, la Naturalista e la Confuciana. Le lunghe lotte tra i regni si placarono fra il IV e III secolo a.c., quando si ampliò l´influenza dei Qin, regno che dalla periferia occidentale cinese diventò dinastia imperiale nel 221 a.c..

4. Dinastia Qin (221 a.c.-210 a.c.). Ying Zheng si proclamò imperatore con il nome di Shi Huang Di e resse l´impero sotto la dinastia Qin per circa 10 anni, sufficienti alla Cina per dargli nuovo slancio. Con rigorose misure riorganizzò la società e l´economia cinese, unificando misure di peso, capacità di lunghezza, moneta e scrittura. La Cina si espanse a meridione, mentre la grande muraglia difendeva l´impero a settentrione. La totale ricerca di unità centrale permise successi sociali e politici, sconfinando però in misure di estrema autarchia che ebbero il loro culmine nel 213 a.c. quando Shi Huang Di decretò la distruzione nel fuoco di tutti i libri cinesi, risparmiando solo i testi scientifici e tecnici. Nel 210 a.c. Shi Huang Di morì portando così all´estinzione della Dinastia Qin.

5. Dinastia Han (206 a.C.-220 d.C.). Con il I secolo a.C. yin-yang e wu-hsing divengono vere e proprie categorie del qi, usate per declinarlo e vengono scritti vari trattati. Si effettuano i primi interventi chirurgici in anestesia generale e la pratica dell´agopuntura mediante aghi di metallo. Vengono poi utilizzati vino e the in medicina e vi è la stesura di fondamentali testi medici, studiati ancora oggi. Tra questi ricordiamo:
• il "Shen Nong Ben Cao Jing", riportante 365 sostanze medicinali di cui 46 di origine minerale, 67 di origine animale e 252 di origine vegetale, numero richiamante nella totalità i giorni dell´anno ed i punti di agopuntura;
• lo "Shan Han Za Bing Lun", trattato delle malattie febbrili e miste;
• il "Zhen Jiu Jia Yi Jing", Canone di agopuntura e moxibustione.
In quest´epoca visse anche Hua Tao, grande taoista, medico, agopuntore e chirurgo, esperto senza pari di medicina alchemica. Medico personale di generali e potenti, fu condannato a morte in quanto accusato di aver partecipato ad una congiura di corte. In carcere raccolse i suoi segreti medici ed alchemici nel "Ching Nan" consegnandolo ad un secondino prima di essere giustiziato. La moglie di costui però spaventata bruciò il manoscritto, mandando in fumo le conoscenze del grande medico. Sempre in quest´epoca prese vita un rilevante centro di potere culturale, sociale ed economico composto da dirigenti, funzionari, imprenditori, grandi proprietari terrieri e letterati. Essi disponevano di forze armate private in grado di sfidare il potere centrale imperiale, sempre più in crisi. A ciò si contrapponeva un´enorme sviluppo scientifico, specie nelle metodologie metallurgiche e tessili che portarono tra le altre cose all´invenzione della carta.

6. Medioevo Cinese (220 d.c. - 581d.c.). Nell´epoca della fine dell´impero della dinastia Han visse Ge Hong, medico, geriatra, alchimista e farmacista autore di vari trattati medici, fra cui il "Zhou Hou Jiu Zu Fang", manuale di prescrizione d´emergenza. La sua fama fece si che alla sua morte la tradizione cinese lo elesse a divino immortale. Sua moglie, Bao Gu, fu la prima donna medico tramandata alla storia, dedita soprattutto alla dermatologia e all´uso della moxibustione. Seguirono secoli di frammentazione politica e dinastica specie fra settentrione e meridione cinese. Crebbero così le Dinastie del Nord e del Sud (420-581), dove quelle del nord conobbero le grandi invasioni barbariche, mentre quelle del sud perpetuarono i lattifondismi terrieri. Vengono classificate per la prima volta le piante a seconda del tipo di malattia. Nel V secolo d.c. arrivò dall´India Bodhidarma, patriarca del Buddhismo indiano. Egli addestrò i monaci a discipline psicocorporee e marziali quale il Tai Ji Quan, e da qui prese forma il Qi Gong. Assunto il nome di Ta Mo, divenne il primo patriarca del Buddhismo Cinese Chan, dal quale derivò in seguito lo Zen Giapponese. Ta Mo influì profondamente sulla religione, sulla meditazione, sulla cultura e sulla medicina cinese.

7. Dinastia Sui (581 d.c.). Fu il tempo di grandi realizzazioni, come la rete di canali navigabili lunga oltre 2500 chilometri che favorendo contatti e trasporti, contribuì a ristabilire l´unificazione dell´Impero.

8. Dinastia Tang (618 d.c. -907 d.c. ). Il Buddhismo arriva definitivamente in Cina ed influenza la medicina cinese. Vengono fondate scuole di medicina cinese; la fitoterapia viene sistematizzata e nasce la prima Farmacopea Ufficiale. Fu epoca di grande sviluppo economico e di scoperte quali la stampa e la polvere da sparo. Comparvero ordini religiosi organizzati e distinti secondo le tre dottrine: confucianesimo, taoismo e buddhismo. Spiccano in quest´epoca personaggi quali Tao Hong Jing, famoso erborista che annoverava in un suo trattato ben 730 rimedi, e Sun Simiao, conosciuto come il Re delle erbe, eccelso medico agopuntore, farmacologo, pediatra e ginecologo. In questo periodo furono sottomesse le limitrofe popolazioni turche e mongole, e si crearono stretti rapporti diplomatici con i regni tibetano, persiano, siriano e bizantino. Nei secoli VIII e IX ci fu un indebolimento del potere Tang, che crollò nel 907 d.c. a causa di crisi interne, ribellioni e rivolte ai confini.

9. Dinastia Song, Liao, Jin, Yuan. Seguì un periodo di divisione, conosciuto come Cinque Dinastie e Dieci Stati. La dinastia Song fondata nel 960 d.c., riportò l´unità, fatta però di compromessi quale ad esempio il riconoscimento nel 1005 della Dinastia Liao a settentrione, mentre nel 1115 la Dinastia Jin prese potere relegando i Song a meridione. Si sviluppa in questo periodo la scuola dello Yin Nutriente. Le conoscenze sulle piante si uniscono alla teoria delle corrispondenze sistematiche, Yin-Yang, 5 fasi ecc. A settentrione si affacciarono poi i Mongoli, che detronizzarono prima i Jin e poi i Song, fondando nel 1271 la dinastia Mongola Yuan. Tale Dinastia fu tollerante verso ogni corrente e movimento religioso, permettendo la diffusione del cristianesimo, dell´islam, dell´ebraismo e del manicheismo. Ci fu un vero rinascimento culturale ed artistico, mentre lo sviluppo medico si effettuò tramite la riorganizzazione del Collegio Imperiale e dell´Università Nazionale in settori e reparti distinti.

10. Dinastia Ming (1368 d.c.). Varie calamità naturali, la povertà contadina e l´inflazione economica segnarono la crisi del potere Mongolo. Nel 1368 presero il potere i Ming, ad opera di un monaco Buddhista che si proclamò imperatore. Visse durante questa Dinastia, Li Shi Zen, grande medico e farmacologo, autore del "Ben Cao Gan Mu", Compendio di Materia Medica in 52 volumi, che contemplava 1892 rimedi. Nasce la teoria sulle malattie da caldo che differiscono da quelle fredde in quanto sono causate da un tipo di fattore patogenico perverso molto forte ed infettivo che penetra nell´organismo dalla bocca e dal naso e viene trattato in dispersione con piante fredde.

11. Dinastia Qing (1644 d.c.). A seguito di lotte intestine e debolezze politiche, si insediò al potere una popolazione di origine tribale, a capo della quale vi era la Dinastia Qing. Si distinse Zao Xue Min che nel 1765 scrisse il "Ben Cao Mu Shi Yi, supplemento al Compendio di Materia Medica, comprendente 2608 rimedi. Sviluppi ulteriori della teoria delle malattie calde. Dal 1840 introduzione della medicina occidentale e graduale perdita di importanza di quella cinese.
Rielaborata e aggiornata, la medicina tradizionale viene insegnata nelle università cinesi e praticata negli ospedali accanto alla medicina convenzionale. Cinque sono gli strumenti di diagnosi e terapia delle MTC:
• la diagnostica energetica, un sistema di esame del paziente che usa come punti diagnostici, polsi, occhi, cute, lingua e altri simili.
• la farmacologia cinese, che utilizza piante, minerali e animali in diverso modo da quello della medicina convenzionale.
• l´agopuntura: attraverso l´introduzione di sottili aghi in particolari punti dei meridiani, dove scorre l´energia;
• il massaggio: si può agire sul sistema tendino-muscolare, osteo-articolare, dei meridiani e dei singoli punti di agopuntura.
• la ginnastica medica: il paziente esegue esercizi, sia lenti che vigorosi, coordinati ad una corretta respirazione.
Sono inoltre previste tecniche complementari, tra cui:
• la moxibustione è ottenuta stimolando i punti di agopuntura col calore di un cannello di erbe (generalmente artemisia) infiammato chiamato moxa.
• la coppettazione: sulla pelle del paziente vengono applicate delle ´coppette´, dopo che l´aria al loro interno è stata riscaldata; in questo modo si crea una pressione negativa che solleva la cute come una ventosa.

Nel 1912 fu fondata la Repubblica Popolare Cinese. Solo nel 1954 la Medicina Tradizionale Cinese fu nuovamente inserita dalle autorità nella realtà e nei progetti medici cinesi. Mao Tze Dong ne fu grande sostenitore. Oggi esistono molti nuovi approcci alla MTC, che vanno dalla stimolazione elettrica o laser, all´integrazione con altre terapie alternative come la fitoterapia e l´omeopatia, osteopatia, yoga, shiatsu.

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata